BielLeOgGi

Un blog più uguale degli altri

log blog

Posted by sterte su 8 ottobre 2009

Vladimir: è un po’ di tempo
Vladimir: che sento di non avere un cazzo da dire
Vladimir: ma con meno assoluta vacuità del solito
Vladimir: potrei riesumare il blog
Estragon: effettivamente e’ un po’ che volevo chiederlo
Vladimir: in realtà
Vladimir: è da un po’ di tempo che mi frulal in testa
Vladimir: di bloggare
Vladimir: solo ed esclusivamente
Vladimir: tramite estratti di chat 🙂
Vladimir: chiaramente col consenso delle principali vittime innocenti…
Estragon: lol
Vladimir: poi l’ideale sarebbe usare sempre gli stessi nomi (chiaramente i log sarebbero seddati) ma che abbiano un qulache senso
Vladimir: tipo vladimir e estragon (e difficilmente cambierò idea 🙂 )

Annunci

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Sol chi non lascia foto su streetview…

Posted by sterte su 19 marzo 2009

…poca gioia ha dell’urna

Ho appena appreso che un giorno, quando di quello che sono ora non rimarra che la cacca secca di qualche verme, un’immagine di me (per dirla tutta, di spalle e in una posa assurda) continuerà a vagare nel cyberspazio a imperitura memoria.

Scusate l’esaltazione, ma per un mezzo geek finire su google streetview, è come per una persona “normale” partecipare al grande fratello.

Rimando a quando sarà finita l’ebrezza per questa sorpresa, disocorsi pseudoseri sulla privacy il grande fratello (quello vero di Orwell), ecc.

Posted in Uncategorized | 3 Comments »

Diligenza postale

Posted by sterte su 7 marzo 2009

Vado alle poste a pagare delle bollette (non pago via web, per principio quei 20 centesimi in più alla banca non glieli do), ingenuamente credevo di:

  • fare la fila
  • consegnare le bollette
  • pagare
  • prendere il resto
  • salutare
  • andarmene

invece…

  • la fila non c’è ma è gestita male lo stesso: appena prendo il biglietto numero 80, uno sportello chiama il 79, nesuno risponde, io aspetto che venga chiamato… poi mi avvicino allo sportello e faccio vedere il biglietto sentendomi dire “beh, cosa aspetta?”
  • mi faccio largo tra i libri e i cd che occupano tutto lo spazio disponibile… non solo lì dovrebbero esserci al massimo moduli precompilati e volantini informativi dei servizi postali (che non ci sono), ma oltretutto i libri e i cd esposti sembrano scelti con cura dal fondo di una discarica…
  • la signora allo sportello si sente in dovere di intavolare la seguente discussione:
    “ha il conto bancoposta?”
    “NO”
    “sa che la farebbe risparmiare un bel po’? perchè non pensa ad aprirne uno?”
    “perchè ne ho appena CHIUSO uno”
    “ah… le posso chiedere quante spese ha ora?”
    “praticamente 0” (diciamo che qui è arrotondato al ribasso)
    “ah…”
  • finalemente prende le bollette le processa e mentre incassa i soldi e cerca il mio resto riattacca:
    “… e un libretto di risparmio?”
    “se lei ha dei soldi da risparmiare non sa quanto la invidio”
    “ah… buona domenica”
    “anche a lei, arrivederci”

Appena uscito, un ragazzo per strada prova a vendermi calzini e fazoletti che tira fuori da un borsone… che fosse un postino?

Posted in la_terra_dei_cachi | Leave a Comment »

Viaggi unari (o di merda o di merda)

Posted by sterte su 1 marzo 2009

Dovrei essere sul treno di ritorno a Bologna, invece sono a casa a Fabriano a aspettare 2 ore per il prossimo treno… nel mentre, tra una madonna urlata e l’altra, ne lascio implicitemente anche qualcuna scritta per spiegare cosa è successo:

  • Vado alla staizone con 30 minuti di anticipo
  • Noto che la biglietteria è chiusa
  • Noto che la biglietteria automatica è chiusa (non fuori uso, proprio chiusa, deduco da operatore umano)
  • Provo a fare il biglietto via web dal cellulare… ma scopro che acquistare un biglietto dal sito di trenitalia via wap è impresa titanica (ammesso che sia possibile)
  • Mi metto in fila per fare il biglietto nell’agenzia viaggi della stazione, GESTITA DA FERROVIERI!
  • Davanti alla porta un cartello avverte che dal 1 marzo (oggi) c’è una commissione se si fa il biglietto in agenzia (casualmente proprio oggi le biglietterie sono chiuse)
  • Scopro che per la fascia di prezzo intorno ai 20 euro la commissione è di 2,50 euro
  • Chiedo conto al ferroviere in veste di impiegato di agenzia viaggi della cosa, mi viene detto “io alzo le mani, QUELLI DELLE FERROVIE, con sta cosa ci mettono i bastoni tra le ruote”
  • Chiedo il biglietto che prevede un tratto ic+ e avviene il seguente scambio di battute: “solo posti 1 classe, o seconda in piedi”. “ma gli ic+ non accettano viaggiatori in piedi! è solo per questo che li prendo!”. “adesso si”.
  • Faccio biglietto regolare
  • L’istante successivo il treno che avrei dovuto prendere parte…

Per dirla tutta, tornato a casa noto che mi ero dimenticato di mettere in valigia il carica batterie del pc (elemento vitale)… quindi dopo tutto mi sento di ringraziare le ferrovie e trenitalia tutte, con un enorme grazie di forma fallica da recapitare dove loro sono soliti recapitare agli utenti il loro eccellente servizio.

Posted in la_terra_dei_cachi, viaggi | Leave a Comment »

Corsi e ricorsi (nei centri) storici

Posted by sterte su 21 febbraio 2009

Le foto qua sotto ritraggono alcuni angoli di Bologna fotografati questa mattina (21 febbraio 2009). I meglio informati, o chi semplicemente è abituato a una passeggiata in centro nel fine settimana e non ha occhi solo per le vetrine, noterà in questi angoli apparentemente anonimi, qualcosa di strano e preoccupante: quelli ritratti sono i punti preferiti e regolarmente presi d’assalto nei fine settimana, dai vari volontari e militanti che raccolgono firme (e insulti), e distribuiscono volantini (e ancora insulti) per le cause e i personaggi più disparati.
C’è sempre un elezione, un disegno di legge, un evento catastrofico o presunto tale, per il quale qualcuno reputi giusto sensibilizzare gli altri, e si orgnaizza, o viene imbeccato, a scendere in piazza col suo trespolo anzichè stare a casa a dormire o in chiesa a pregare (ognuno spre… spende il proprio tempo libero come reputa più opportuno).

In questi punti a rotazione si sono scambiate firme e volantini, tra gli altri, per (vado a memoria)…

  • Di Pietro contro il lodo alfano
  • Gli studenti sardi per organizzare un bus per andare a votare Soru (credo si siano dimenticati del Tirreno)
  • “Una firma contro la droga” (prima o poi glielo dirò “guardate che io sono a favore!”)
  • La lega per cacciare i clandestini (fantastico il manifesto con il ritratto di un capo indiano e lo slogan: “Loro non hanno fatto leggi per l’immigrazione e sono finiti nelle riserve”)
  • Forlani sindaco
  • Del Bono sindaco
  • Cevenini sindaco
  • Merola sindaco
  • Guazzaloca sindaco
  • Cazzola sindaco (poi dicono che la speranza è nelle liste civiche…)
  • Il PD per… a favore… contro… vabè, il PD c’era spesso ma non si capiva mai cosa cavolo volesse
  • Alleanza nazionale e/o Forza Italia e/o Popolo della libertà, per la sicurezza (e io a passargli di fianco non mi sentivo sicuro per niente)

Perchè quelle foto scattate stamattina ritraggano angoli vuoti è presto detto: non è stato indetto nessuno sciopero o lutto… molto più “semplicemente” il prefetto ha stabilito con un’ordinanza che applica un ddl del ministro dell’interno maroni, che nel centro storico sono vietate manifestazioni cortei e presidi (i più increduli leggano qua).

A dire il vero ho visto anche un paio di strappi alla regola (ben significativi del rispetto delle regole, dell’atteggiamento di chi le fa rispettare, e della base in genere) che non ho fotografato perchè comunque non c’erano anime da rubare fotografandone gli involucri:

  • in via indipendenza bel belli a volantinare indisturbati c’erano 4 o 5 figuri di forza nuova
  • poco più avanti all’entrata dell’hotel Baglioni una folla in attesa dell’uscita dei giocatori dell’Inter (che oggi gioca contro il Bologna)

Mi asterrò dal commentare… una volta presagire o identificare pericolose sbandate fasciste poteva anche avere un macabro risvolto ludico, richiedendo analisi più o meno dietrologiche e un minimo elaborate sul piano storico e/o logico. Ora è tutto talmente tanto evidente, che è inutile aggiungere altro, e soprattutto non è più possibile gridare al fascismo preoccupati ma speranzosi, perchè non c’è più assolutamente la speranza di stare sbagliando.

Posso solo provare a suggerire un paio di soluzioni: questa e questa.

Posted in Bologna, la_terra_dei_cachi, news, politica | 1 Comment »

Quasi quasi meglio le bionde…

Posted by sterte su 12 gennaio 2009

Per fortuna non ho figli…
se li avessi mi vergognerei di dirgli cosa fa Brunetta (e cosa gli farei io).

Posted in deliri, la_terra_dei_cachi, news, politica | Leave a Comment »

Domani sarà un giorno lungo senza parole…

Posted by sterte su 10 gennaio 2009

Domani ricorre il decennale della morte di Fabrizio De André, ormai lo sanno anche i muri. Ovunque è un fiorire di celebrazioni, commemorazioni, masturbazioni… dal circolo arci che raduna qualche cover band sgangherata, agli speciali in tv, alle riscoperte di inediti…

Sul mio glorioso ipod, risalente ormai a 4 o 5 generazioni (di ipod) fa, ho qualcosa come 6000 canzoni, tra cui tutta la discografia di De Andrè… quando perchè pescata a caso, quando per scelta esplicita, quando ascoltata distrattamente, quando in silenzio al buio e col lacrimone, almeno una sua canzone al giorno mi passa per le orecchie. Ebbene, faccio promessa solenne che domani non ascolterò neanche una sua canzone!

Il motivo è semplice: MI SONO ROTTO I COGLIONI DI TUTTE QUESTE RICORRENZE E COMMEMORAZIONI, il cui esito, o a voler pensar male, il cui scopo, è quello opposto!
Domani saremo tutti li a commuoverci per le parole del poeta, dopodomani i pochi che continueranno ad ascoltarlo di propria sponte saranno degli sfigati e/o dei “comunisti” (termine abusato sebbene per motivi tanto storici quanto politici ormai privo di significato)!

Propongo qui per De Andrè ma non solo, di istituire delle giornate dell’oblio anzichè giornate della memoria, sulla falsariga del non-compleanno di alice nel paese delle meraviglie: il giorno della sua ricorrenza il personaggio, o evento storico che sia, viene totalmente rimosso, a patto che rimanga ben presente nella nostra testa e nella nostra memoria tutto il resto del tempo, magari cercando con un po’ di fantasia dei lati positivi anche a ricorrenze che apparentemente non ne hanno… ecco alcuni esempi:

  • Ricorrenza della scomparsa di Fabrizio De Andrè: l’11 gennaio si mandino canzoni death metal a tutto volume in tutte le piazze, poi però, per tutto il resto del tempo, ogni 10 puntate di xfactor si mandi qualche vecchia registrazione delle rare apparizioni televisive di De André.
  • Natale: macchè tutti più buoni! il 25 dicembre diventi un giorno dove tutti sono degli insopportabili stronzi e c’è da avere paura a uscire di casa… magari però da santo stefano alla vigilia non sarebbe male ripensare un po’ meglio, senza mediazioni o distorsioni di sorta, a cosa aveva da dire 2000 anni fa quel tale, quel povero cristo!
  • 25 aprile: fa troppo male, tutti gli anni vedere i banchetti dell’anpi con i pochi ex partigiani rimasti che hanno scritto a caratteri cubitali in faccia “ma allora a cosa è servito!?!?”, mentre i governanti/regnanti continuano, una lenta ma inesorabile operazione di revisionismo storico.
    Allora il 25 aprile si senta pure libero, chi vuole, di rievocare la marcia su roma o quant’altro, poi però il giorno dopo, anzichè iniziare a pensare all’estate imminente, le diete e le vacanze, chi, come me, ha la fortuna di poterne essere orgoglioso, ripensi ai propri genitori/nonni/bisnonni e a quanto hanno fatto, a loro tempo, sperando in qualcosa di meglio di un andreotti o un berlusconi qualsiasi.
  • Quando c’era lui i treni arrivavano in orario…: Trenitalia si organizzi per fare dei ritardi enormi su qualsiasi linea il 29 luglio di ogni anno, ma offra un servizio impeccabile tutti gli altri giorni!
  • San Valentino: il 14 febbraio nessuno si degni nemmeno di guardare in faccia il proprio partner, se non per insultarlo e litigarci, i più disinibiti cornifichino pure a tutto spiano, si legalizzi per un giorno la prostituzione in tutte le sue forme, poi però non c’è pms, stanchezza, scazzo, incomprensione, ripicca che tenga, che tutti abbiano gli occhi a cuoricino per tutto il resto del tempo

La lista potrebbe essere estremamente lunga, il senso è sempre lo stesso: per ricordare veramente qualcosa e per darle valore, il modo migliore non è forse perpetrarla costantemente, e magari abandonarla ognitanto soltanto per un momento, per capire quanto è importante?

Posted in deliri, iPod, musica, news | Leave a Comment »

Natale 2008

Posted by sterte su 25 dicembre 2008

È nato Cristo e morto Harold Pinter.

Ho come l’impressione che ci abbiano fregato!

Posted in deliri, religione | Leave a Comment »

Quando il dito indica la luna…

Posted by sterte su 19 novembre 2008

…lo stupido guarda il dito.

E quando l’uomo che a tutti gli effetti sta riportando in auge il fascismo, fa BÙ alla Merkel, lo stupido guarda il BÙ.

Se avete speso anche solo un secondo a giudicare il gesto di Silvio, e a pensare che sia semplicemente il gesto fuori luogo fatto da un cretino, fermatevi un attimo e pensateci meglio, i cretini siete voi.

Posted in la_terra_dei_cachi, news, politica | Leave a Comment »

Parole sante

Posted by sterte su 18 ottobre 2008

Citando Woody Allen (speriamo bene per il film appena uscito, ma ho abbastanza paura):

Le più belle parole non sono “ti Amo”, ma “è Benigno”.

A mio modesto avviso sono più o meno a parimerito… certo che sentirle dire entrambe nel giro di pochi giorni manda (metaforicamente!) in paradiso.

Posted in cinema, deliri | Leave a Comment »