BielLeOgGi

Un blog più uguale degli altri

Classandra

Posted by sterte su 15 ottobre 2008

Da una discussione di un paio di settimane fa:

(2008-09-29 11:04:13) Stefano Arteconi:lasciamo perdere, a parte che non lo faranno mai, e se nache lo facessero sarebbe una schifezza, senza contare che l’aggiunta di nuove classi, non riesco a non immaginarla, se non come classi divise per razza

Da repubblica.it di oggi:

Classi ponte per alunni stranieri Sì della Camera a mozione Lega

Posted in news, politica | Leave a Comment »

Allegoria! (senza niente da ridere)

Posted by sterte su 21 settembre 2008

C’è sta storia che gira, sa molto di allegoria dove ogni personaggio rappresenta in realtà, forse, qualcosa di pià di un singolo individuo…

C’è uno che combatte il crimine e la corruzione pubblicamente e istituzionalemnte, è bello buono bravo, segue nobili ideali, e anche se a fatica, ha spesso successo nella sua missione.

C’è un altro che pure lui combatte crimine e corruzione, ma non ha accesso a mezzi ufficiali e istituzionali, anzi ne è allontanato e visto con sospetto, cosi lui, brutto e nero, fa quello che può, a volte togliendo dalla merda, a sua insaputa, il bello e bravo senza nenache sentirsi dire grazie.

Con sti due qua, di merda in giro ce n’è, ma si riesce in gran parte a arginare, finchè non arriva uno stronzo di quelli seri, non il classico stronzo alimentato dall’avidità o dal deisderio di vendetta (che tipicamente generano negli stronzi debolezze), ma semplicemente dalla voglia di fare casino fine a se stessa… o forse… da qualche scopo più in alto che a noi povere menti semplici e stupide, e ai due personaggi sopra non è dato comprendere, o anche solo intuire.

Lo stronzo riesce nel suo intento di accendere la miccia e generare il caos. Entrambi i nostri eroi cadono vittima dello stronzo… il biondo e bello impazzendo, corrompendosi e diventandone praticamente complice. Il brutto e nero sentendosi il peso del mondo sulle spalle, e dovendo subire, dal mondo che testardamente pensa di poter salvare ancora più sfiducia e insulti.

In un modo o nell’altro lo stronzo viene fermato, ma ormai la sua opera è compiuta, il caos regna sovrano, e il bello e biondo, un tempo strenuo difensore dei diritti e portetore di valori positivi, è ridotto alla brutta copia dello stronzo.

La storia finisce col bello e biondo che muore nel momento in cui il brutto e nero, ormai unico eroe positivo della vicenda, viene totalmente rinnegato.

Il corso accelerato di storia contemporanea in questione si chiama The Dark Knight, ed è in giro nei cinema in questi giorni.

Posted in cinema, deliri | Leave a Comment »

Large neuron collider

Posted by sterte su 11 settembre 2008

-“Hai visto? Sono partite le particelle al CERN!”

-“Chi è in pole position?”

-“Massa!”

Posted in deliri, tecnologia | 2 Comments »

Lodo il diavolo

Posted by sterte su 26 luglio 2008

Il diavolo è nei dettagli…

…e ama il paradosso…

…e il suo “stile” mi piace anche quando mi si ritorce piacevolmente contro!

Posted in deliri | Leave a Comment »

Lodo dio

Posted by sterte su 25 luglio 2008

Dichiarazioni idempotenti di potenti prepotenti al popolo impotente.

Lodo Alfano. Berlusconi: “Lodo Alfano”.

Poco dico io: “Porco …!!!”

Posted in deliri, la_terra_dei_cachi, news, politica | Leave a Comment »

Babbei e Babele

Posted by sterte su 23 luglio 2008

Si c’è something ich non puede sopportare, è das utilisation random of parole desde autres lingue in the mezzo de Satz, just pour mirar figo.

Gestern mentre was saliendo dal mall je avoir visto eine sign sul ticket office qui decia “prego inserire il ticket”.

Je penser: “shit! ich habe nicht eine karte. yo tengo unicamente uno boleto…. speriamo funzioni lo stesso”.

Posted in deliri, Uncategorized | Leave a Comment »

quarto tentativo di abbordaggio (mo’ n te cucco, delta plano)

Posted by sterte su 21 luglio 2008

Alphascino inasBetato, che Gammai credevo di poter apprezzare, del Deltaplano, voglio dedicare almeno un Epsilon di questo post… se spaRho ste cazzate da idIota è l’Eta.

Lo scorso fine settimana a monte cucco, a pochi chilometri dal natio borgo selvaggio, si sono tenuti i mondiali di deltaplano, pur essendo totalmente ignorante in materia sono andato a fare un giro (non in deltaplano) con la scusa di riincontrare un amico deltaplanista che non vedevo da tempo e di fare qualche foto (presto sulla colonna qua a destra).

Ecco cosa ha principalmente attirato la mia attenzione in questa comunità di fantasiosi aspiranti suicidi…

  • La deltaplanista media sembra condividere i miei stessi gusti sessuali (o forse ho trovato un campione particolarmente fortunato)
  • Il deltaplanista medio, quando è a terra e c’è almeno uno che sta volando, ha la stessa affabilità e sottilissimo e malcelato astio di una non testimone/damigella/cazzivari al matrimonio della migliore amica: “ma guarda questo, je pare de esse bravo”, “mo vojo vedè co sto vento in coda come atterra senza spaccasse na gamba”, ecc.
  • Una buona quantità dei molti deltaplani presenti, era modello “icaro”… giuro! all’evento c’erano anche molti stranieri arrivati con voli concorde o crociere titanic

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Fate l’amore non fate la guerra

Posted by sterte su 15 luglio 2008

Posted in news | Leave a Comment »

Promesse elettorali

Posted by sterte su 14 luglio 2008

“Un milione di posti di lavoro”
Italia, 1994, Silvio Berlusconi, Imprenditore losco

“Meno tasse per tutti”
Italia, 2001, Silvio Berlusconi, Criminale (auto)impunito

“Via l’ICI”
Italia, 2006, Silvio Berlusconi, Aspirante dittatore

“Più sicurezza”
Italia, 2008, Silvio Berlusconi, Dittatore

“Pena di morte per Osama Bin Laden”
USA, 2008, Barack Obama, Candidato Democratico da molti visto come una speranza di rinascita per la politica degli stati uniti.

Si sa che promesse elettorali è un ossimoro… ma resta il fatto che esiste un popolo che va conquistato con la promessa di omicidi (e ne esiste un altro che più o meno a ogni elezione si suicida).
Qualcuno diceva “beato quel popolo che non ha bisogno di eroi”… ma possibile che l’unica alternativa sia riempirsi di stronzi???

Posted in news, politica | Leave a Comment »

Chiacchiere da bar

Posted by sterte su 9 luglio 2008

Vado a narrare le vicende accadute questa mattina al bar. Dato l’alto livello culturale morale etico e sociale raggiunto recentemente da questo paese mi trovo forzato a riportare l’episodio ad un tono e un linguaggio più “popolare” di quello aulico ed astratto in cui effettivamente si è svolta:

Bancone del bar. Il buono e il cattivo sorseggiano il loro cappuccino. Dalla quinta laterale entra il brutto con un borsone pieno di calzetti, fazzoletti e accendini, e si avvicina al buono.

Brutto: “Salve gentiluomo, sono cortesemente a chiederle di acquistare parte della merce che vengo a proporle”

Buono: “La ringrazio dell’offerta ma non mi trovo a necessitare di alcuno degli orpelli che viene a propormi”

Brutto: “Cosa mi dice riguardo questa finissima seta atta a nettare le sue nobili nari?”

Buono: “Declinai tosto la sua offerta, messere”

Brutto: “Suvvia buon uomo, mi agevoli almeno la possibilità di nutrirmi elargendo almeno una piccola somma simbolica”

Buono(dispiaciuto ma deciso): “Ahimè il mio umore non mutò, pertanto il mio diniego rimane”

Il brutto, rassegnato, si avvicina al cattivo

Brutto: “Salve gentiluomo, sono cortesemente a chiederle di acquistare parte della merce che vengo a proporle”

Cattivo: “Ordunque, villano cui la natura difettò di donare virtù estetiche e colorò del nero di un tizzo di carbone abbandonato in fondo a un pozzo in una notte senza luna! Ti intimo di distanziarti dalla mia nobile persona e di non tediarmi ulteriormente!”

Il brutto, rassegnato, esce di scena

Cattivo (tra se e se): “Mi domando se sia accettabile, per un uomo della mia levatura, dover essere interrotto nelle piacevoli funzioni di trangugiamento del mattiniero pasto, da un figuro di si scura fatta, e pertanto atto ad attività illecite e criminali”

Buono: “Cortese amico, vengo a esprimerle la mia simpatia per la sua preferenza a libarsi della locanda che tanto io stesso amo, e a ricordarle al contempo, mi permetta nella sua magnanimità di farlo, che per esprimer talun concetto che la sua fulgida mente possa partorire, esiston tuttavia millanta modi differenti e nel tono e nelle sfumature”

Cattivo: “è verso il sottoscritto che lei osa profferire verbo?

Il buono guarda il cattivo, senza ribattere

Cattivo: “tardo a capire la ragione per cui nell’espletazione delle mie private gesta debba un moro venire a importunarmi, e mi permetta di suggerire a lei, che si accinge a fare altrettanto, di fare commercio del nobile pertugio che, dopo attenta ricerca, le assicuro troverà all’estremita delle sue terga”.

Il cattivo paga il conto ed esce di scena

Il buono paga il conto ed esce di scena

Posted in Bologna, deliri, la_terra_dei_cachi, Uncategorized | 4 Comments »